Quando il fuori e il dentro coincidono

Sono meteoropatico. Al contrario: se fuori c’è il sole non sono la persona più felice mentre se c’è un tempo autunnale o meglio ancora, invernale, beh, allora si che va bene.

Ammetto che una eccezione alle regola potrebbe essere riferita al fatto delle vacanze ma è un po’ troppo egoista ammetterlo quindi, passo oltre.

Sabato 23.07 invece il tempo fuori era come il mio tempo dentro.

Tanti nuvoloni, l’attesa di una pioggia che però alla fine, almeno nel mio caso, ha portato non certo ad un arcobaleno o ad una schiarita.

Che ci posso fare?

Questi nuvoloni continuano a farsi sentire, a ribollire come se dovessero annunciare chissà quale calamità naturale.

Si, sto cambiando casa, lasciando la mia, quella di famiglia, per un appartamento nuovo (altro che tempesta di pensieri), ho per la testa tante cosa da fare e sistemare (altre nuvole), non andrò in vacanza (quindi, vale qualsiasi tempo per il prossimo mese) e poi… c’è il mio carattere, sempre nuvoloso, con qualche guizzo di sole. Sempre più raro.

Per ricreare l’atmosfera mi sono preparato una insalata non certo estiva.

Eccola: un sacchetto di valeriana, mezza mela (da tagliare a quadretti piccoli, meglio se un po’ aspra), del parmigiano in scaglie, dei gherigli di noce (da spezzettare), olio d’oliva, aceto balsamico (meglio quello un po’ denso), sale e pepe.

In effetti è buona sempre ma ha un che di autunnale che mi ha fatto stare bene.

Almeno quella!

Da mangiare con dei crostini (meglio se tostati tipo bruschette) e con del buon vino rosso corposo (a me piacciono i pugliesi).

 

giannolo

E tu cosa ne pensi?