“Vado di fretta, vado di fretta…” ancora :)

 

Si, incredibile: sto resistendo al proposito di farmi almeno 30 minuti di camminata veloce ogni sera. E se c’è davvero una cosa bella (anzi, magica) è camminare nella nebbia, dove tutto è non solo ovattato ma pure indefinito.

L’altra sera, con uno nebbioni più densi (tanto da far ricordare quei fantastici nebbioni di quando ero piccolo, quando la nebbia non se ne andava nemmeno a mezzogiorno ma persisteva, sempre più fitta e sempre più piena di fascino) ho fatto un giro a Beverara, una sorta di frazione/via, sempre del mio paese. Mi sembrava di non essere nemmeno ad Acquanegra ma non so, forse dovunque.

Mi ha accompagnato l’intero primo disco di Pacifico ma, al momento dell’ascolto di “Le mie parole”,  che ondata di ricordi!! Quando l’ho visto la prima volta sul palco del Teatro Smeraldo di Milano, ospite del concerto di Samuele Bersani e, in quell’occasione, i suoi genitori erano in platea: che emozione! Quel disco l’ho ascoltato e riascoltato, Pacifico l’ho rivisto altre volte: a Crema, un 11/12 di anni fa, a Mantova (quando ancora c’era la festa della Musica per le vie della città), a Cremona, al Filo. E pure per il Festivaletteratura. Ed ogni volta, “le mie parole” hanno lasciato il segno.

Poi sono passato ad “Ora” di Jova: per farla breve, quella sera ho battuto i miei minuti di camminata (42′) e sono pure volati.

Sul più bello però vedo sull’asfalto quello che rimane delle scritte che i “coscritti” fanno, in genere nel secondo fine settimana di settembre, davanti alle proprie case o a quelle di parenti ed amici. Normale che il ricordo è finito a quando ho fatto io quelle cose solamente che, come ciliegina (indigesta) sulla torta vedo un “by 93” e come un flash penso: “Nooooo!!! 🙁 30 anni?!?”

E me ne sono tornato a casa stanco, felice per la camminata ma un pò più anziano del solito : )

A questo punto, con cosa leggere questo articolo? Con un bel piatto di minestrina davanti: stellina o risone non importa 🙂

 

giannolo, 01.12.2011

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E tu cosa ne pensi?