Xmas time

Eccomi qui, davanti al pc… Ho voglia di scrivere, non so, mentre lo sto già facendo, dove mi porterà. Beh, non so se sia positivo o meno, ma siamo scampati ai Maya, entrando nell’era del rinnovamento, quella dell’Acquario. Sarebbe bello, come ho letto ieri su fb, che il cambiamento riguardasse tutti nelle… piccole cose, quelle quotidiane. Come mi disse un amico caro, è facile cambiare o essere buoni o migliori con delle realtà lontane… partiamo…

Read More

La caduta del gigante

di Nicola Giazzi Lo sapevo da tempo che sarebbe successo, ma non avrei mai potuto crederci. Eppure il giorno è arrivato, l’escavatore sta varcando il cancello di casa per abbattere il ciliegio, il mio adorato ciliegio che purtroppo è infruttuoso e malato. Ci salivo da bambino, c’è stata attaccata la mia altalena fatta di corda e seggiolino di legno. Quante botte e gambe sbucciate dalla ruvidezza del suo tronco. Ora sono nella stanza dove dormivo…

Read More

Gli amici (non) ritrovati

Facebook ci tiene tanto. Vorrebbe che mi lanciassi in un viaggio indietro nel tempo e contattassi i miei vecchi compagni di scuola. Io, francamente, pensavo che fosse tutto sepolto sotto un cumulo di terra. Anzi, ne sono sicuro: ho spalato personalmente, per anni, con rabbia e ostinazione, ogni singola zolla. Con molto più ardore, ad essere sinceri, di quello con cui mi sono impegnato a costruirci sopra qualcosa. La versione ufficiale che mi sono dato…

Read More

Benvenuto, Settembre

Ciao zio, anche quest’anno è arrivato Settembre. Puntuale, come sempre. Quello che provo in questo periodo è strano, perché la sensazione, ogni volta, è una somma di tutti i Settembre della mia vita. Soprattutto di quando andavo a scuola: la tristezza per la lunga estate che finiva, i compiti ancora da terminare e il pensiero del lungo anno di studi che mi attendeva. L’ho sempre considerato un punto di ripartenza importante, un vero nuovo inizio, ben…

Read More

Il mio maiuscolo (prologo)

Caro zio Sigmund, scusa se mi prendo questa confindenza, ma ho bisogno di parlare con te. Devo confessarti che non ho letto nulla di tuo, a parte “psicopatologia della vita quotidiana”, anni fa. Un po’ pesantino, te lo devo dire. Per il resto, non so molto di te. Mi pare che fossi un po’ fissato col sesso. Ma sta’ tranquillo, non è un problema. Non ti ho scelto per le tue teorie, ma solo perchè…

Read More