A.I. ma anche… ricominciare :)

Eccomi qua, reduce da quei 5 giorni che sconvolsero il mondo che, questa volta, però, hanno sconvolto me. Parto da domenica 12: quella domenica non è stata di certo una giornata memorabile, tanto da prendere in considerazione di non passare PIU’ un intero fine settimana a casa (ma dato che sono una contraddizione vivente su ciò che voglio, vorrei e faccio, capiterà di nuovo…) In pratica sono pure riuscito a farmi del male, mentre, secondo…

Read More

Cambiano i tempi e cambiano i vicini… di casa!

Stamattina mi è capitata una cosa insolita, inaspettata, e che mi ha messo di buon umore. Ma parto da una premessa: anche se dal 24.09 ho una casa mia, ho sempre abitato nella stessa via e nella stessa casa, con i miei e ancora ci vivo spesso. Una volta… Giò, una volta i vicini erano proprio “vicini”, quelli che ti venivano a trovare per bere un caffè, quelli con i quali facevi “filòs” davanti a casala sera, in…

Read More

“ce l’ho!! ce l’ho!! questa no… :) “

Si,  erano tanti anni, ma proprio tanti che non vedevo un   ragazzo che dopo la messa arriva a casa con un mazzetto di figuurine e ancora prima di togliersi giacca e berretto, inizia appoggiando le 10/12 bustine ed aprirle con “voracità”, la stessa che in effetti avevo anch’io. Compresa la delusione per un doppione. Ho risentito una frase che mi ha riportato indietro nel tempo, anche se io non ho mai raccolto quelle dei calciatori. E…

Read More

Shame

Si, ieri ce l’ho fatta! L’aspettavo da quando il film è stato presentato a Venezia, dove Fassbender ha vinto la Coppa Volpi quale miglior attore. La febbre è aumentata quando il film ha concorso pure per i Golden Globe (e ci sono rimasto un pò male per le esclusioni dalle nominations) anche se a Mantova, il film, non è uscito come sul resto del territorio nazionale ma una settimana dopo. E ieri, sono andato. La…

Read More

La caduta del gigante

di Nicola Giazzi Lo sapevo da tempo che sarebbe successo, ma non avrei mai potuto crederci. Eppure il giorno è arrivato, l’escavatore sta varcando il cancello di casa per abbattere il ciliegio, il mio adorato ciliegio che purtroppo è infruttuoso e malato. Ci salivo da bambino, c’è stata attaccata la mia altalena fatta di corda e seggiolino di legno. Quante botte e gambe sbucciate dalla ruvidezza del suo tronco. Ora sono nella stanza dove dormivo…

Read More

tentacoli che ti riportano a fondo o braccia alle quali aggrapparsi per non affondare?

Questa volta, prima di scrivere un pezzo, mi sono fermato un pò a chiedere se fosse il caso o meno. Sapevo che avrei parlato delle solite cose. La voglia di scrivere, l’impellenza, mi è venuta in due giorni diversi ma l’occasione era la medesima: il rientro a casa da qualcosa (sempre da una sala cinematografica). Il “da dove” però è poca cosa… A ben vedere anche i pensieri sono sempre gli stessi, legati alla “resistenza”…

Read More

giannolo’s list

Lo so, non è originale fare una lista, di qualsiasi tipo. Ormai le fanno tutte anche se è passato un pò di tempo dalle liste di Fazio e Saviano o da, ancora più indietro nel tempo, quelle di Nick Hornby. Ad es. il prossimo numero di Rolling Stone, il numero 100 italiano sarà pieno di liste e classifiche, lo ha fatto Ciak, il Mucchio, insomma tutto ciò per dire che anch’io ho la mia. Cinematografica,…

Read More

Quando la camminata non fa del tutto bene…

Ebbene si, anche oggi, come un soldatino, ho fatto la mia camminata. Forse soldatino non è il termine adatto perchè sa di “dovere, obbligo” mentre, almeno per ora, mi piace tornare a casa dall’ufficio, vestirmi (no, non con il latex 🙂 ), prendere il mio Ipod e iniziare a camminare. Si sa, la musica mi fa sempre compagnia. E se ho “goduto” il 06 gennaio, con il vento che c’era, andare per campi ascoltando Adele, oggi,…

Read More

Voglio Parigi!!!

Incredibile: sono tornato una settimana fa da Parigi e sembra già un secolo che non rivedo la “mia” città. Si, perchè li ci sto davvero bene. Il motivo? Non so. Sono stato in parecchie città europee, in qualcuna ci sono pure tornato ma non è mai scattato quella sensazione del “sentirsi a casa” come capita lì. Ok, ci vado da turista o meglio, ormai solo per puro piacere, che è poi quello di girare per le vie,…

Read More

Ah, queste casalinghe disperate :)

Si, perchè sto, pian piano, entrando a piè pari nel ruolo. La mia casa, vissuta fino ad ora come farebbe un asceta sul monte più alto della Cappadocia, ha “aperto” casa per ben due volte in una settimana, a degli ospiti. E la casa ha assunto una dimensione più mia, più da… vacanza! Il “compagno di merende” del blog più una coppia di Busseto sabato e una coppia di amici (con allegata la prova della…

Read More

Novembre, fra (grosse) delusioni e (belle) sorprese…

Ci siamo quasi, ahimè! Mi riferisco ai cine panettoni, cine pandori ed affini che come sempre limiteranno (e di non poco) le alternative per chi vuole anche “altri” film. Meno male che già il 04 gennaio avremo il nuovo di Clint Eastwood. Ma novembre? Com’è passato? E’ iniziato alla grande con film diversi fra loro eppure tutti coinvolgenti. Parto con “Warriors” si, un film fotocopia, piuttosto scontato come storia ma assolutamente molto, molto più coinvolgente:…

Read More

“Vado di fretta… 3” – I love latex

Eh si, lo so, potrebbe suonare come una dichiarazione un pò ambigua. Ma basta leggere il pezzo per capire che in fondo sono “innocente”, sotto tutti i fronti. Una vera animella candida!! Infatti, dopo le prime due settimane di camminata veloce con felpa e felpone, tutone, pantaloni larghi, giubbottone con cappuccio… mi sono stancato dell’armatura che mi portavo addosso e, miracolo, mi sono aperte le strade del latex! Ops, ecco, torna il nome ambiguo ma,…

Read More

“Vado di fretta, vado di fretta…” ancora :)

  Si, incredibile: sto resistendo al proposito di farmi almeno 30 minuti di camminata veloce ogni sera. E se c’è davvero una cosa bella (anzi, magica) è camminare nella nebbia, dove tutto è non solo ovattato ma pure indefinito. L’altra sera, con uno nebbioni più densi (tanto da far ricordare quei fantastici nebbioni di quando ero piccolo, quando la nebbia non se ne andava nemmeno a mezzogiorno ma persisteva, sempre più fitta e sempre più…

Read More

“Vado di fretta, vado di fretta…”

Già, dopo tanti ripensamenti, indecisioni, rimandi… sono  andato da un nutrizionista, tal Vladimiro Colombi il quale, a differenza del precedente tentativo è riuscito a motivarmi, sia su un nuovo modo di alimentarmi, sia sulle  necessità di fare “movimento”. La cosa bella (si, perchè ci sono state delle cose pure piacevoli) è che ho apprezzato cose che non ricordavo. Ma andiamo con ordine. Subito ho sbagliato l’abbigliamento (troppo pesante, pile su pile 🙁 ), poi le…

Read More

Archiviato pure ottobre con ottimi film…

Siamo a novembre, mese in genere un po’ mesto per quanto riguarda le uscite cinematografiche. Iniziano le pubblicità di quelli che saranno i film di Natale, con la solita abbuffata di film pessimi, qualche raro esempio di cinema (che non avrà distribuzione) e poi subito da fine dicembre (con “Le Idi di Marzo”) inizia un nuovo mese di grandi uscite. Intanto all’orizzonte appare una Napoli anni ’70 con musiche, look e design di quel periodo…

Read More

Adele – someone like you

Capita spesso che mentre stia guidando ci siano dei momenti tristi o meglio, momenti in cui mi metto a pensare. Altrettanto spesso la colonna sonora di quel momento sortisce ogni genere di reazione. Se ascolto Jovanotti sto bene, mi sento bene, le sue canzoni d’amore mi emozionano e mi ritrovo a cantarle. I Coldplay (a parte le lacrime con “Yellow”) mi fanno stare bene. Ma ultimamente, ciò che mi manda totalmente ko è Adele con…

Read More

il giorno dei morti…

Che sensazione il primo novembre… Sono andato a fare un giro al cimitero e come sempre la testa ha iniziato a fare i conti, le età, le date, nascita e morte, il tempo che passa, una persona che “ti ricordi”essere morta da poco magari è morta da 12 anni (me ne sono accorto ieri a proposito di un amico). E poi ci sono quelli che pensavi fossero ancora in vita mentre poi te li vedi…

Read More

Sono arrivati…

Beh, ieri sera non credevo ai miei occhi. In effetti pure una settimana prima, qualche avvisaglia c’era stata, ma quando ieri sono arrivato nel piazzale di un centro commerciale… l’ho visto, anzi li ho visti perchè erano più di uno. Enormi come sempre, con lo stesso aspetto spettrale di una cosa fuori luogo (un pò come vedi delle stelle comete sulle porte delle case a fine marzo). Gli alberi di Natale sono arrivati. Mancano 65 giorni…

Read More

A volte, le radio al mattino trasmettono… non solo canzoni!

Cosa sarà…   E’ da una settimana che ho riascoltato, per caso, una canzone alla radio. L’effetto che ha avuto, oltre che ad essere identico a quando uscì, non so quanti anni fa, è ancora lo stesso. Purtroppo, mi viene da aggiungere. “Cosa sarà, che fa morire a vent’anni anche se vivi fino a cento?” o anche “Cosa sarà che ti fa comprare di tutto anche se è di niente che hai bisogno…”. Queste domande…

Read More

un libro puzzle

Mai capitato che… un libro, scritto da un autore italiano, ti venga consigliato da un amico che vive in Svezia e che riesce a fartelo avere direttamente  dallo scrittore, dato che in giro non si trova facilmente? A me si. Il libro è “Cieli Sporchi”, scritto da Rosario Capaldo, che non è solo uno scrittore ma anche un pittore, un attore ed ora pure musicista. La prima cosa a cui ho pensato, dopo aver letto…

Read More

Un tuffo nella “new wave italiana e il free jazz funky inglese…”

Che bello!!! Che bello questo racconto edito da Terre di Mezzo, scritto in modo perfetto da  Matteo B. Bianchi anzi non solo in modo perfetto ma in quel modo “leggero” come ai tempi del fondamentale “Generations of Love”. Se poi chi legge ha un’età per poter aver vissuto come l’autore (ma anche come me) gli anni 80, beh, questo racconto diventa pure un po’ malinconico, un po’ nostalgico e ti stringe il cuore. Le 48…

Read More
1 2 3 4 5